loading...

Ecco la “prova regina” del mostro di Loch Ness?

A whisky warehouse worker has taken a picture of one of the most convincing Loch Ness Monster sightings to date. Amateur photographer Ian Bremner, 58, was driving around the Highlands in search of red deer - but stumbled instead across the remarkable sight of what appears to be Nessie swimming in the calm waters of Loch Ness. The dad-of-four spends most of his weekends in the region taking photographs of the stunning natural beauty. But it was not until he got back to his home in Nigg, Invergordon, that he noticed three humps emerging from the water which he thinks could be the elusive monster. The picture shows a two-metre long silver creature swimming away from the lens with its head bobbing away and a tail flapping a metre away, preparing to swim further on. The apparent creature was spotted coming up for air close to the banks of the loch on Saturday afternoon midway between the villages of Dores and Inverfarigaig. Ian said: “It’s a part of the world that always makes you second guess what you’re seeing. "When you're up there you're constantly looking in the water to see if you can spot anything in there. "This is the first time I've ever seen Nessie in the loch. It would be amazing if I was the first one to find her. “I’m normally a bit of a sceptic when it comes to Nessie and I think it’s just something for the tourists but I'm starting to think there is something out there. “When I saw it on my screen I said ‘what the hell is that?’ “If you’re fishing there it’s the sort of place where you can get a tingle up your spine and second guess what you’re seeing. “You start seeing things even when you know fine there’s nothing there.” Ian's picture fits in perfectly with the widely believed description of Nessie being a long serpent creature which stretches as far back as 1933. The image he took closely resembles some of the clearest and most notable examples of the creature. Encounters from 1933 tell of a 10ft long limbless creature crossing the road leaving behind a slimy trail of undergrowth. And in 2001 a pair of fishermen spotted a dark 6ft long blob sticking its head out of the water and were adamant that it was not a seal. There have been five other reported sightings of the monster this year which, including Ian's latest, is the highest number since 2002. Some of Ian's friends think his picture actually shows three seals playing in the water. Ian said: "I suppose it could be seals - but I'm not so sure. The more I think about it, the more I think it could be Nessie." Over the years there have been 1081 recorded sightings of the Loch Ness Monster lurking in the water. The monster and the tourists who come to look for it are thought to be worth around £30m to the Highland economy. ENDS

Il mistero del mostro di Loch Ness è stato finalmente risolto grazie a una foto? Così sostiene Ian Bremmer, 58 anni, fotografo amatoriale che lo scorso sabato pomeriggio avrebbe immortalato la leggendaria creatura nel preciso momento in cui affiora in superficie. Aggiungendo così benzina al fuoco dei tanti che sostengono che il mostro esiste veramente. L’uomo ha raccontato di essersi imbattuto nel (presunto) abitante delle misterioso acque del lago scozzese mentre andava a caccia di un cervo rosso. Aggiungendo di essere rimasto di stucco non appena si è reso conto che la sua fotografia era probabilmente una delle poche prove del’esistenza di Nessie.

Un incontro casuale durante una scampagnata sulle Highlands, dunque. E Bremmer se ne è accorto solo dopo essere tornato a casa, a Nigg (Invergordon) e aver rivisto le foto che aveva scattato del suggestivo lago. Le sue istantanee, tra l’altro, lasciano supporre che ad abitare quelle acque in realtà siano due mostri, uno dei quali lungo almeno due metri e dotato di una bella coda. A colpire è soprattutto la chiarezza delle immagini, a differenze di quelle sgranate o sfocate solitamente prodotte da chi sostiene di aver avvistato questa strana creatura. “In questa parte del mondo ti chiedi sempre se quello che vedi corrisponde effettivamente alla realtà – ha raccontato Bremmer ai colleghi del Sun – . Stai sempre lì a guardare se spunta fuori qualcosa dall’acqua. Questa è la prima volta che vedo Nessie. Sarebbe bellissimo se fossi io quello che l’ha finalmente trovato”. E dire che lui stesso in passato era stato scettico sull’esistenza del mostro. Ora evidentemente ha cambiato idea…

Ricordiamo che, secondo quanto scrive il sito del Registro ufficiale degli avvistamenti del mostro di Loch Ness, la misteriosa creatura marina è stata “vista” oltre mille volte. Solo nel 2016 sono sei i casi di avvistamenti o presunti tali. I gestori sono convinti che Nessie non sia solo una creatura del folclore antico legata a una leggenda sorta intorno al sesto secolo. Il mostro prende il nome dal lago Ness, un ampio, profondo e fresco specchio d’acqua sulle Highlands scozzesi che si estende per quasi 40 chilometri a sud-ovest di Inverness. Chissà quando si riuscirà ad attribuigli anche un “volto” definitivo…

(Websource / Sun)
www.direttanews.it

loading...
loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *