loading...

Migranti, ecco il piano dell’Austria che fa tremare Bruxelles

626981984-300x200

Il governo austriaco presenterà a Bruxelles un progetto per introdurre un tetto all’ingresso dei profughi in tutti gli Stati membri. Il piano dell’esecutivo di Vienna, elaborato dal ministro della Difesa socialdemocratico Hans-Peter Doskozil e dal suo collega dell’Interno Wolfgang Sobotka, prevede anche che i migranti compilino le domande di asilo fuori dall’Ue e che l’ingresso sia consentito solo in caso di esito favorevole della richiesta. Il tentativo è quello di prorogare i controlli alla frontiera con la Germania a tempo indeterminato, nonostante i timori delle autorità di Bruxelles per la violazione dei princìpi di Schengen. “Si tratta di chiudere l’errata politica europea sull’asilo”, ha dichiarato Hans-Peter Doskozil, aggiungendo che “dobbiamo dirci con onestà che le capacità di accoglienza nell’Ue sono limitate. Dobbiamo bloccare l’immigrazione illegale”.

La proposta è arrivata mentre in Austria si intensifica la caccia all’uomo dopo l’aggressione sessuale avvenuta la notte di Capodanno nella città di Innsbruck, di cui sono state vittime 18 donne: un caso che ha profondamente scosso l’opinione pubblica del Paese, che ha accolto nei mesi scorsi più di 80.000 migranti, favorendo in qualche modo le pulsioni xenofobe. Un po’ come avvenuto in Germania a seguito del recente attentato di Berlino, con la cancelliera tedesca Angela Merkel messa alle strette dai suoi stessi alleati per imporre un limite al numero di profughi accolti dal suo Paese. Il piano del governo austriaco, comunque, dovrebbe essere presentato a Bruxelles la prossima settimana: secondo i promotori, con questa iniziativa le regole del gioco in Europa cambieranno radicalmente e quello che finora è stato un sistema “fallimentare” verrà superato. Staremo a vedere.

 

(JOE KLAMAR/AFP/Getty Images)

(RALF HIRSCHBERGER/AFP/Getty Images)

www.direttanews.it

loading...
loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *